4 aprile contro gli euromissili e contro le basi NATO

 

70 ANNI DI NATO BASTANO

DAL 2 FEBBRAIO POTRANNO TORNARE GLI EUROMISSILI CHE IL MOVIMENTO DISARMISTA AVEVA FATTO RIMUOVERE CON LE LOTTE DEGLI ANNI ’80.
MOBILITIAMOCI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DEL 4 APRILE CONTRO LE BASI USA E NATO!

 

“Il mondo sta sottovalutando il pericolo di una guerra nucleare che potrebbe condurre alla fine della civiltà umana,” ha affermato il presidente russo Putin nella conferenza stampa di fine anno, in cui conferma la sua consapevolezza che l'apocalisse atomica potrebbe essere scatenata persino per caso o per errore. E questo anche per due nuovi elementi. Il primo, è rappresentato dalla “tendenza ad abbassare la soglia per l’uso di armi nucleari, creando cariche nucleari tattiche a basso impatto che possono portare a un disastro nucleare globale.” Purtroppo, a questa categoria , appartengono le nuove bombe nucleari, B61-12 che il prossimo anno gli USA piazzeranno in Italia , in sostituzione di una settantina di vecchie ogive atomiche. L’altro pericolo viene dalla “disintegrazione del sistema internazionale di controllo degli armamenti,” espresso dal ritiro degli USA dal Trattato INF (1987) che permette a Trump di schierare in Europa missili a raggio intermedio con base a terra. Ora il nostro governo ha approvato in sede NATO tale piano e ha dato la disponibilità a installarli in Italia come quelli che erano stati installati a Comiso negli anni ’80. L’amministrazione Trump ha fissato la scadenza del 2 febbraio come ultimatum alla Russia per recedere dalle sue presunte violazioni, quindi da quel momento in poi si ritiene svincolata dal patto. Sottolineamolo ancora: in Italia (e in Europa) possono tornare, in teoria ed in pratica,  i Cruise di Comiso montati sui TEL (anche se non alla base di Comiso che è stata formalmente ceduta all’amministrazione civile).


E’ ormai in atto una vera corsa fra USA e Russia al riarmo nucleare, trainata dalla superpotenza americana, che già con Obama ed ora con Trump, ha messo a disposizione oltre mille miliardi di dollari per modernizzare il suo arsenale atomico. Trump, che nel nel 2017 ha speso un’enorme cifra in armi, ben 660 miliardi di dollari, sta sferzando i suoi alleati europei perché tutti investano in armi almeno il 2% del PIL. Se l’Italia obbedisse agli ordini di Trump spenderebbe cento milioni di euro al giorno in armi (già oggi ne spende settanta milioni al giorno!). La Russia sta tentando di tenere testa agli USA (Putin ha appena annunciato di aver testato il nuovo missile intercontinentale ipersonico!). Si è messa in pista anche la Cina, che nel 2017 ha speso ben 228 miliardi di dollari in difesa.  La corsa agli armamenti senza freni ci pone davanti ad un enorme apparato distruttivo di 15.000 bombe atomiche a disposizione dei militari che si estende anche ai nuovi mezzi della guerra elettronica, automatizzata, dronizzata, satellitare e spaziale (ricordiamo il sistema MUOS che ha una delle sue basi a Niscemi). E' una follia collettiva: nel 2017 abbiamo raggiunto a livello planetario l’astronomica cifra di 1.739 miliardi di dollari, pari a oltre 4,5 miliardi di dollari che spendiamo ogni giorno in armi. Abbiamo ammassato una polveriera che potrebbe scoppiarci fra le mani. Gli scienziati dell’Orologio dell’Apocalisse a New York hanno puntato l’orologio a due minuti dalla mezzanotte. Il loro è un allarme che mette insieme, quali spade di Damocle pendenti contro la sopravvivenza dell’umanità, la minaccia nucleare e la minaccia climatica, che hanno intrecci ed interdipendenze reciproche.


Di fronte a questo pauroso scenario di militarizzazione incombente, di tendenza delle crisi e delle guerre ad estendersi e generalizzarsi, nella qualità di attivisti contrari ad ogni forma di guerra, di donne e uomini gravemente preoccupati per la letargia dei cittadini italiani, invitiamo il movimento per la pace, che vediamo alquanto distratto e disunito, a mobilitarsi, con il cuore ma anche con intelligenza strategica, per un mondo che superi le strutture della violenza e del'oppressione. Dobbiamo cercare l'alleanza con i movimenti per la giustizia sociale ed ambientale, con quanti si battono contro le grandi opere nocive e per la salvaguardia del Pianeta.

Una occasione di crescita politica ed organizzativa è la giornata di mobilitazione internazionale contro le basi USA e NATO lanciata per il 4 aprile 2019, 70ennale della firma a Washinton del Trattato Nord Atlantico, dall’incontro internazionale svoltosi a Dublino lo scorso novembre, presenti realtà di lotta di 35 nazioni dai cinque continenti. Esortiamo ogni realtà di base a fare propria questa scadenza e a unirsi per informare in modo diffuso la popolazione: chiediamo insieme le ragioni per cui, in Italia, questo governo, stando ad una analisi dei fatti scevra da ogni pregiudizio, attua una politica in perfetta continuità con quelli precedenti del PD e di Forza Italia.

 Esigiamo, per cominciare, una serie di provvedimenti molto concreti:

- non si prosegua l’acquisto degli F-35 e si riducano in modo consistente le spese militari

- non si piazzino a Ghedi e Aviano le nuove bombe nucleari B61-12

non siano collocati in Italia nuovi missili "atomici" a causa della "condivisione nucleare NATO"

-  non si continuino a vendere le bombe all’Arabia Saudita 
- non si continui a consentire l’uso delle basi statunitensi in Italia per la guerra in Siria e Yemen ed in generale per tutte le guerre in Medio Oriente
- i soldati italiani lascino al più presto l’Afghanistan e tutte le altre missioni di guerra
- l’Italia firmi e ratifichi il Trattato ONU per l’abolizione degli ordigni nucleari
-  si chiudano le basi e le istallazioni USA e NATO in Italia e le si riconverta a uso civile


Questo ultimo punto fa riferimento ad ampliamenti e potenziamenti di strutture militari in corso che stanno investendo tutta la penisola, da Ghedi, a Vicenza, a Camp Derby, in Sicilia, in Sardegna, a Napoli (tra gli 11 porti arischio nucleare dove attraccano portaerei e sommergibili USA a propulsione atomica).

Mettiamoci insieme, credenti e non, per un impegno serio contro la folle corsa agli armamenti, soprattutto nucleari, foriera di nuove e micidiali guerre.
Che il 2019 sia un anno di mobilitazione popolare per la Pace e che il supporto alla giornata internazionale del 4 aprile faccia parte di un percorso di rilancio di azioni e iniziative di base con la consapevole capacità di affrontare la dimensione globale dei problemi!


Alex Zanotelli - missionario comboniano

info Alfonso Navarra -alfiononuke@gmail.com cell. 340-0736871

www.disarmistiesigenti.org

Giuseppe Padovano (Comitato No Guerra No NATO)

Giovanna Pagani - Antonia Sani (WILPF Italia)

Vincenzo Miliucci (Confederazione COBAS)

Enrico Gagliano (Abruzzo Beni Comuni)

Alessandro Marescotti (Peacelink)

Luigi Mosca - Armes Nuclèaires STOP

Mario Agostinelli (Energia Felice)

Franco Dinelli (Pax Christi)

Lidia Menapace (ANPI nazionale)

Antonio Mazzeo

Alfonso Di Stefano (Comitato NoMuos/NoSigonella- Catania)

Francesco Lo Cascio (MIR Italia)

Ennio La Malfa - Oliviero Sorbini (Accademia Kronos)

Giuseppe Farinella (Il Sole di Parigi)

Laura Tussi - Fabrizio Cracolici - Campagna Siamo tutti premi Nobel per la pace con ICAN 

https://www.youtube.com/channel/UCFWikKgRr7k21bXHX3GzE9A

Giuseppe Natale - 

Giovanni Sarubbi (il Dialogo)

Adriano Ciccioni (Città Verde)

Massimo Aliprandini (Lega Obiettori di Coscienza)

Giuseppe Marazzi (Campagna OSM-DPN)

Vittorio Pallotti (Centro di documentazione del manifesto pacifista internazionale- CDMPI)

Pola Natali Cassola (Lega per il disarmo unilaterale)

Angelo Gaccione (Odissea)

Marino Severini (Gang)

Renato Franchi (Orchestrina del Suonatore Jones)

Claudia Pinelli - Silvia Pinelli

Tiziana Pesce

Daniele Biacchessi

Tiziano Cardosi

Patrick Boylan - Marco Palombo (Roma No War)

Vittorio Agnoletto

Filippo Bianchetti - 

Roberto Maggetto - Ciclo Officina Popolare Venezia

Angelo Baracca

Jeff Hoffman

Fabio Strazzeri

Isabella Horn (Fucina della nonviolenza - Firenze)

Paolo Limonta


Napoli, MILANO 2 febbraio 2019

 

 

Il testo del documento da sottoscrivere è sostanzialmente l’appello di Alex Zanotelli (datato 15 gennaio 2019) adattato al supporto del 4 aprile lanciato da Dublino, la conferenza globale contro le basi USA e NATO, proposto come "gemellato" al 23 marzo per la giustizia climatica, con il riferimento importante alla data del 2 febbraio che vedrà gli USA ritirarsi dal trattato INF trascinandosi dietro tutta la loro alleanza militare.

N.B. testo che subirà ancora dei piccoli ritocchi

 

Per documentazione informativa si leggano i seguenti due articoli, il primo a firma Alfonso Navarra, il seccondo a firma Manlio Dinucci.

 

GLI USA STRACCIANO L’INF: DAL 2 FEBBRAIO POTRANNO TORNARE IN EUROPA GLI EUROMISSILI. MA IL MOVIMENTO DISARMISTA NON DEVE MOLLARE. UN APPELLO PER IL 4 APRILE CONTRO LE BASI NATO CON PRIMO FIRMATARIO ALEX ZANOTELLI   Alfonso Navarra – portavoce dei Disarmisti esigenti Cell. 340-0736871  www.disarmistiesigenti.org

  

      Milano 2 febbraio 2019     Gli Usa per bocca del segretario di stato americano, Mike Pompeo hanno appena annunciato il ritiro dallo storico trattato INF: firmato da Reagan e Gorbachev nel 1987, l’accordo bilaterale con la Russia proibisce armi nucleari di medio raggio (dai 500 ai 5.500 km) basate a terra. "La Russia ha violato per anni senza scrupoli il trattato e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare", ha detto Pompeo precisando che “gli Usa sono comunque pronti a un nuovo accordo con Mosca entro sei mesi". E’ il tempo del processo di ritiro che potrà essere interrotto dalla distruzione da parte russa dei missili contestati dagli USA.   La Casa Bianca ha quindi fatto sapere che nel frattempo gli Usa proseguiranno "con lo sviluppo delle nostre opzioni di risposta militare" e lavoreranno "con la Nato e i nostri alleati e partner per negare alla Russia ogni vantaggio militare derivante dalla sua condotta illegale".   La NATO, da parte sua, in una nota ufficiale sottolinea che se Mosca "non onora i suoi obblighi del Trattato INF attraverso la distruzione verificabile di tutti i suoi sistemi missilistici 9M729, ritornando così alla piena e verificabile conformità prima che il ritiro degli Stati Uniti entri in vigore tra sei mesi, si assumerà la piena responsabilità della fine del trattato".   La Russia nega le violazioni e sostiene che la mossa USA faccia parte di un piano per "uscire dai loro obblighi legali internazionali". Il ritiro statunitense non sarebbe questione di "colpa russa", ma di una ben precisa "strategia". Mosca ha esplicitato i timori anche per il New START, la riduzione dei missili strategici firmata a Praga l’8 aprile 2010 da Barack Obama e Dmitri Medvedev. Questo patto potrebbe scadere il 5 febbraio del 2021 perché basterebbe semplicemente non prorogarlo.   Intanto Trump ha aperto all'ipotesi di un nuovo trattato per il controllo delle armi nucleari intermedie ma coinvolgendo altri Paesi, a partire dalla Cina. “Bisogna che tutti aderiscano mentre ora c'è una parte che quasi fa finta che non esista", ha dichiarato alla stampa con riferimento a Pechino.   La Germania ha espresso preoccupazione: “Senza il trattato ci sarà meno sicurezza“, ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, parlando a Bucarest al termine della riunione delle diplomazie del continente. “Il trattato INF è stato violato dalla Russia e gli appelli lanciati negli ultimi 60 giorni per più trasparenza e più informazione non hanno dato risultati”, ha aggiunto Maas, che nelle ultime settimane ha fatto la spola tra Mosca e Washington, per tentare di salvare l’intesa: “E’ importante riportare il tema del disarmo e del controllo internazionale delle armi nell’agenda globale – ha spiegato ancora – includendo nel dibattito anche altri Paesi come la Cina, per questo motivo a marzo organizzeremo una conferenza sul disarmo a Berlino, dove la discussione verterà su nuovi tipi di armamenti”.   Una posizione interessante è quella dell’Austria in quanto Paese non appartenente alla NATO (ma si tratta di un partner).“La corsa agli armamenti non solo aumenterebbe i rischi, ma costa anche un’enorme quantità di denaro che potrebbe essere utilizzata altrove”, ha dichiarato la ministra austriaca degli esteri Karin Kneissl. La richiesta di Vienna è di affrontare la questione nei forum internazionali per il disarmo. “Non sono cose che saranno negoziate in cinque o otto anni come un accordo di libero scambio”, ha avvertito Kneissl, una soluzione potrebbe “richiedere fino a trent’anni“.   Poco prima dell’annuncio di Pompeo l’Unione europea aveva fatto sentire la propria voce tramite Federica Mogherini: “I Paesi dell’Ue non sono parte del trattato, ma sono quelli che maggiormente ne beneficiano. – ha detto l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera – Rivolgiamo il nostro appello affinché il Trattato sia preservato e rispettato in pieno da entrambe le parti”. Questo trattato è importante per la nostra “sicurezza. Non vogliamo che il nostro continente torni ad essere un campo di battaglia in cui altre superpotenze si affrontano, questo appartiene alla storia del passato remoto, e non vogliamo neppure valutare un percorso all’indietro su questo cammino”.   Sul sito della Presidenza del Consiglio al momento non registriamo reazioni. Il ministro degli esteri Moavero Milanesi è in Romania e pare si stia occupando delle relazioni della UE con la Cina. Ma dovrebbe essere noto che su certi argomenti per conto dell’Italia, seppur terremotata politicamente e passata al Salvimaio, pensa e parla la NATO! Diventa facile allora scommettere sulla posizione che verrà fuori dal nostro governo: “I russi hanno torto ed hanno violato l’INF, ma auspichiamo che in questi 6 mesi le cose possano tornare a posto” (ovviamente lasciando gli americani a guidare le danze).   Il movimento disarmista degli Anni 80 ebbe sicuramente un ruolo decisivo nell’indurre Reagan e Gorbachev a firmare il Patto del 1987, che come prima conseguenza ha avuto la riduzione di 2300 armi nucleari da Paesi europei come Italia e Germania. Ma a sensibilizzare i due capi di Stato fu anche e forse soprattutto il rischio corso dalle superpotenze due volte nel 1983 di una guerra nucleare per errore. La prima fu sventata dal colonnello Stanislav Petrov in settembre: il militare si accorse che un attacco missilistico contro Mosca era in realtà un errore dei computer della base di sorveglianza. La seconda, in novembre, fu la spiata di un agente britannico infiltrato nel KGB:”Sospendete l’esercitazione NATO Able Archer che i russi stanno scambiando per un attacco vero!”. (Documentarsi su: La follia del nucleare come uscirne", Mimesis edizioni, 2018).   Il movimento disarmista odierno, per lo più organizzato nella Rete ICAN (www.icanw.org), premio Nobel per la pace, è impegnato per l'applicazione del nuovo trattato per la proibizione giuridica delle armi nucleari, approvato il 7 luglio 2017 all'Onu. Il Trattato entrerà in vigore dopo la ratifica di 50 Stati (attualmente siamo solo a quota 21), ma ha di fatto una funzione più di “stigmatizzazione” che di effettiva eliminazione delle armi nucleari. Altri passi diplomatici e di mobilitazione politica sono sicuramente necessari per raggiungere il risultato veramente decisivo del disarmo nucleare. Gli stessi dirigenti di ICAN  propongono il TPAN come “stimolo” al Trattato di Non Proliferazione e dichiarano di contenere le proprie ambizioni quando, sul loro sito istituzionale,  guardano esplicitamente al modello del Trattato sulle mine antipersona, la cui efficacia pratica è però molto dubbia e limitata.   Alfonso Navarra, espone la posizione dei Disarmisti esigenti e della Lega per il disarmo unilaterale fondata da Carlo Cassola. “Occorrerebbe combinare l’azione della diplomazia popolare che preme dal basso con una quarta ondata di mobilitazione di massa antinucleare (le prime tre sono state quelle dei partigiani della pace, dell’appello Russell-Einstein e delle lotte contro gli euromissili con perno a Comiso). Forse le manifestazioni dei giovani contro la minaccia climatica - lo school strike reso famoso da Greta Thunberg alla COP24 di Katowice - possono offrire speranze in questo senso, perché il possibile collasso del clima è strettamente intrecciato con la minaccia nucleare”.   Per l’intanto parte un appello con primo firmatario Alex Zanotelli che individua nel supporto al 4 aprile, giornata di lotta internazionale contro le basi USA e NATO, lanciata da una conferenza globale a Dublino, svoltasi nel novembre scorso (si vada su: https://nousnatobases.org/), una occasione di crescita politica ed organizzativa del movimento. L’appello esorta ogni realtà a fare propria questa scadenza e a unirsi per informare in modo diffuso la popolazione: occorre chiedere insieme le ragioni per cui, in Italia, il governo emerso dalle elezioni del 4 marzo, stando ad una analisi dei fatti scevra da ogni pregiudizio, attua una politica in perfetta continuità con quelli precedenti del PD e di Forza Italia.  

 

              L'AFFOSSAMENTO USA DEL TRATTATO INF  E LE COMPLICITA' EUROPEE   Comitato promotore della campagna #NO GUERRA #NO NATO Italy Feb 2, 2019 —  Manlio Dinucci    

 

La «sospensione» del Trattato Inf, annunciata il 1° febbraio dal segretario di stato Mike Pompeo, avvia il conto alla rovescia che, entro sei mesi, porterà gli Stati uniti a uscire definitivamente dal Trattato. Già da oggi, comunque, gli Stati uniti si ritengono liberi di testare e schierare armi della categoria proibita dal Trattato: missili nucleari a gittata intermedia (tra 500 e 5500 km), con base a terra. Appartenevano a tale categoria i missili nucleari schierati in Europa negli anni Ottanta: i missili balistici Pershing 2, schierati dagli Stati uniti in Germania Occidentale, e quelli da crociera lanciati da terra, schierati dagli Stati uniti in Gran Bretagna, Italia, Germania Occidentale, Belgio e Olanda, con la motivazione di difendere gli alleati europei dai missili balistici SS-20, schierati dall’Unione Sovietica sul proprio territorio. Il Trattato sulle Forze nucleari intermedie,   firmato nel 1987 dai presidenti Gorbaciov e Reagan,  eliminava tutti i missili di tale categoria, compresi quelli schierati a Comiso. Il Trattato Inf è stato messo in discussione da Washington quando gli Stati uniti hanno visto diminuire il loro vantaggio strategico su Russia e Cina. Nel 2014, l’amministrazione Obama accusava la Russia, senza portare alcuna prova, di aver sperimentato un missile da crociera (sigla 9M729) della categoria proibita dal Trattato e, nel 2015, annunciava che «di fronte alla violazione del Trattato Inf da parte della Russia, gli Stati uniti stanno considerando lo spiegamento in Europa di missili con base a terra». Il piano è stato confermato dalla amministrazione Trump: nel 2018 il Congresso ha autorizzato il finanziamento di «un programma di ricerca e sviluppo di un missile da crociera lanciato da terra da piattaforma mobile su strada». Da parte sua, Mosca negava che il suo missile da crociera violasse il Trattato e, a sua volta, accusava Washington di aver installato in Polonia e Romania rampe di lancio di missili intercettori (quelli dello «scudo»), che possono essere usate per lanciare missili da crociera a testata nucleare. In tale quadro va tenuto presente il fattore geografico: mentre un missile nucleare Usa a raggio intermedio, schierato in Europa, può colpire Mosca, un analogo missile schierato dalla Russia sul proprio territorio può colpire le capitali europee, ma non Washington. Rovesciando lo scenario, è come se la Russia schierasse in Messico i suoi missili nucleari a raggio intermedio. Il piano degli Usa di affossare il Trattato Inf è stato pienamente sostenuto dagli alleati europei della Nato. Il Consiglio Nord Atlantico ha dichiarato, il 4 dicembre 2018, che «il Trattato Inf è in pericolo a causa delle azioni della Russia», accusata di schierare «un sistema missilistico destabilizzante». Lo stesso Consiglio Nord Atlantico ha dichiarato, il 1° febbraio,  il suo «pieno appoggio all’azione degli Stati uniti di sospendere i suoi obblighi rispetto al Trattato Inf» e intimato alla Russia di «usare i restanti sei mesi per ritornare alla piena osservanza del Trattato». All’affossamento del Trattato Inf ha contribuito anche l’Unione europea che, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il 21 dicembre 2018, ha votato contro la risoluzione presentata dalla Russia sulla «Preservazione e osservanza del Trattato Inf», respinta con 46 voti contro 43 e 78 astensioni. L‘Unione europea – di cui 21 dei 27 membri fanno parte della Nato (come ne fa parte la Gran Bretagna in uscita dalla Ue) – si è uniformata così totalmente alla posizione della Nato, che a sua volta si è uniformata a quella degli Stati uniti. Nella sostanza, quindi, anche l’Unione europea ha dato luce verde alla possibile installazione di nuovi missili nucleari Usa in Europa, Italia compresa. Su una questione di tale importanza il governo Conte, come i precedenti, si è accodato sia alla Nato che alla Ue. E dall’intero arco politico non si è levata una voce per richiedere che fosse il Parlamento a decidere come votare all’Onu sul Trattato Inf. Né in Parlamento si è levata alcuna voce per richiedere che l’Italia osservi il Trattato di non-proliferazione e aderisca a quello Onu sulla proibizione delle armi nucleari, imponendo agli Usa di rimuovere dal nostro territorio nazionale le bombe nucleari B61 e di non installarvi, a partire dalla prima metà del 2020, le ancora più pericolose B61-12. Avendo sul proprio territorio armi nucleari e installazioni strategiche Usa, come il Muos e il Jtags in Sicilia, l’Italia è esposta a crescenti pericoli quale base avanzata delle forze nucleari Usa e quindi quale bersaglio di quelle russe. Un missile balistico nucleare a raggio intermedio, per raggiungere l’obiettivo, impiega 6-11 minuti. Un bell’esempio di difesa della nostra sovranità, sancita dalla Costituzione, e della nostra sicurezza che il Governo garantisce sbarrando la porta ai migranti ma spalancandola alle armi nucleari Usa.  

 

 

Sempre per documentazione informativa si veda il seguente comunicato stampa diramato il 30 gennaio 2019 dai Parlamentari per il Disarmo Nucleare (e da altre associazioni):

 

Mayors and parliamentarians call on Russia and the U.S. to preserve the INF Treaty

Basel, 30 January 2019 - Mayors, parliamentarians, policy experts and civil society representatives from forty countries – mostly Europe and North America – today sent a joint appeal to Presidents Putin and Trump and to the leaders of the Russian and US legislatures, calling on them to preserve the Intermediate Range Nuclear Forces (INF) Treaty, prevent a new nuclear arms race in Europe and undertake measures to reduce the risk of a nuclear conflict and support global nuclear disarmament.
 
We are extremely concerned about the deteriorating security environment in Europe and internationally which led the Bulletin of the Atomic Scientists to last week re-set the Doomsday Clock at 2 Minutes to Midnight,’ says Christine Muttonen (Austria), Co-President of Parliamentarians for Nuclear Non-proliferation and Disarmament.
 
The INF Treaty is an historic agreement reached in 1987 between the United States and the Soviet Union to eliminate all of their nuclear and conventional ground-launched ballistic and cruise missiles with ranges of 500 to 5,500 kilometers, and to utilize extensive on-site inspections for verification of the agreement.
 
Following President Trump’s 20 October, 2018 announcement of his intent to withdraw the United States from the INF Treaty, the State Department has signaled that the US will suspend implementation of the treaty beginning 2 February 2019 and commence the six-month withdrawal process. If the Treaty is dissolved it would further stimulate the current nuclear arms race. In particular, it would open the door for intermediate-range, ground-based nuclear-armed missiles returning to Europe and for US deployment of such missiles in Asia.
 
Conflicts over the INF Treaty should be resolved through the Treaty, not by abandoning it. And other conflicts should be resolved through diplomacy and common security mechanisms such as the United Nations and the Organisation for Security and Cooperation in Europe (OSCE),’ said Ms Muttonen, who recently served as the President of the OSCE Parliamentary Assembly.  ‘They cannot be resolved by elevating nuclear threats and ratchetting up the arms race.’
 
Mayors and parliamentarians, especially those of us from Europe, will not sit idly on the side while the US and Russia erode our security,’ said Thore Vestby (Norway), Vice-President of Mayors for Peace and a former member of the Norwegian parliament. ‘Cities and parliaments are therefore taking action to support nuclear arms control treaties such as the INF and START treaties, promote additional measures such as no-first-use and the new Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons, and to put an end to city and state investments in nuclear weapons corporations.’ 
 
Legislators in nuclear armed States have a specific role to prevent authorization and funding for new more sophisticated and usable nuclear weapons that increase the risk of destruction of humanity by accident, miscalculation or intent,’ said Paul Quiles (France), Mayor of Cordes sur Ciel, President of Initiatives pour le Désarmement Nucléaire, and Former Defence Minister of France.
 
‘The fact that the President of the US Conference of Mayors is among 18 US mayors who endorsed on short notice is a significant indicator that ‘Main Street USA’ opposes the Administration’s destabilizing and expensive nuclear weapons program and supports proactive efforts to achieve a nuclear-weapon-free world’’ said Frank Cownie, Mayor of Des Moines, Iowa and Vice-President of Mayors for Peace .
 
Nuclear weapons and climate change pose an existential threat to current and future generations,’ says Dr Andreas Nidecker MD (Switzerland), President of the Basel Peace Office. ‘The massive amount of spending in nuclear weapons – over $100 billion per year – should instead be spent in areas which increase our security – such as diplomacy, climate protection and the Sustainable Development Goals.’
 
Diplomacy is starting to work on the Korean peninsula with North and South building cultural, sporting and other contacts despite their political differences,’ said Alyn Ware (Czech Republic), PNND Global Coordinator and Member of the World Future Council. ‘We give full support to the Korean peace and denuclearization process and we call on US, NATO and Russia to follow a similar diplomatic approach with regard to their conflicts, and to help achieve global nuclear disarmament

MEDIA CONTACTS
Basel Peace Office: Prof (em) Andreas Nidecker MD. +41 76 557 3712  anidecker@bluewin.ch
Mayors for Peace Europe: Sean Morris. +44 7 771 930 196  s.morris4@manchester.gov.uk
Mayors for Peace North America: Jacqueline Cabasso +1 510 306-0119 wslf@earthlink.net
Parliamentarians for Nuclear Non-proliferation and Disarmament:  Alyn Ware +41 788 912 156  alyn@pnnd.org
World Future Council: Thies Kätow +49 163 776 7899 thies@pnnd.org

 

Firma questa petizione

Firmando, autorizzo Giuseppe Marazzi a consegnare la mia firma a coloro che hanno potere decisionale in merito a questo problema.


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni24.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.

Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Facebook