Petizione per un divieto legale delle punizioni corporali

Rivendichiamo

un'educazione libera dalla violenza per i bambini anche in Svizzera

I bambini hanno diritto a un'educazione libera dalla violenza. Vi preghiamo di proteggere i bambini dalla violenza e di sostenere la petizione al Consiglio federale e al Parlamento.

La legge è in ritardo, poichè ogni giorno in Svizzera migliaia di bambini vengono ancora picchiati senza motivo. Ciò nonostante è stato dimostrato da tempo: la violenza porta solo ulteriore violenza.

Il diritto all'istruzione non violenta è un importante segnale e consente di promuovere l'istruzione non violenta. Non vogliamo punire i genitori, benì vogliamo sostenerli!

La legge funziona: uno studio dimostra che se la punizione corporale è seplicitamente proibità in un paese, un minor numero di genitori picchia i propri figli.

Questa petizione è sostenutu da: Pro Juventute, Save the Children, terres des hommes, humanrights.ch, Netzwerk Bildung und Familie, Fondazione Bambini e Violenza, Società Svizzera di Pediatria, Istituto internazionale dei diritti dell'infanzia (IDE), Integras, Rete svizzara diritti del bambino

Grazie mille per il vostro impegno!

Questa è una petizione del'Associazione EDUCAZIONE SENZA VIOLENZA. Utilizzeremo i suoi dati solo per lo scopo della petizione. È possibile farli cancerllare da noi in qualisiasi momente.

 

Nelle pagine seguenti troverete ulteriori informazioni e i motivi per cui è necessario avere un divieto legale delle punizioni corporali e della violenza nei confronti dei bambini.

 shutterstock_108189845.jpeg

 


Associazione EDUCAZIONE SENZA VIOLENZA    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione


O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito. Tuttavia, l'autore della petizione potrà visualizzare tutte le informazioni da te fornite tramite questo modulo.

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni24.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.
Facebook