RACCOLTA FIRME PER IL RITORNO DEI DELFINI A RIMINI

COMUNICATO

Il 31 luglio 2013 il Corpo Forestale dello Stato (CITES) è venuto al Delfinario di Rimini per una ispezione, poi nel giro di pochissimo tempo ne ha fatte altre tre, finite venerdì 13 settembre 2013 col sequestro dei delfini per maltrattamento, a causa di 145 mq totali di vasche di separazione che il ministero dell’Ambiente chiede ed il comune di Rimini non ha finora concesso. La proprietà ha iniziato a chiedere al comune le vasche nel lontano 1993, rivelando una coscienza estremamente animalista, a favore cioè del benessere degli animali. 
Venerdi’ 13 – un film dell’orrore: tanti ispettori CITES armati e con tanto di capo rassegna stampa (intervistati solo i funzionari CITES senza diritto di replica e con affermazioni discutibili e contraddittorie rispetto ai verbali emessi) hanno portato via una famiglia di delfini riminesi: MAMMA ALFA, SOLE, LAPO E LUNA all’Acquario di Genova, in modo molto disorganizzato e maldestro ma con tanto potere a loro disposizione: denuncia di crudeltà e maltrattamento!!!!
Tutti piangevano, i riminesi e gli italiani, immobilizzati dal dolore.
Piangeva anche MAMMA ALFA… i suoi figli mai avevano visto la cassa di trasporto…
Una impresa italiana che dava lavoro, che ha creato per circa 50 anni un grande indotto turistico, didattico e scientifico, spazzata via per una norma che il ministero chiede ed il comune non concede. Con l’infamia di una accusa di maltrattamento che sarà tutta da discutere e che parte da una carenza strutturale. Senza appello, senza possibilità di replica, senza difesa e con tanta disperazione...
Ora il popolo e’ insorto per questo abuso e per questa scenografia, e chiede il sostegno al POPOLO ITALIANO, affinchè MAMMA ALFA, CON I FIGLI SOLE LUNA E LAPO tornino a casa loro, perchè loro sono di Rimini, dei riminesi e dell’Italia che li ama!!!!
FIRMA ANCHE TU, AFFINCHÈ ABUSO INGIUSTIZIA E PREPOTENZA NON VINCANO!!!


DELFINARIO RIMINI    Contatta l'autore della petizione

Firma questa petizione


O

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per assicurarti di ricevere le nostre e-mail, aggiungi info@petizioni24.com alla rubrica o alla lista dei mittenti attendibili.

Annunci pubblicitari a pagamento

Promuoveremo questa petizione a 3000 persone.

Facebook