CONTRO LA TASSAZIONE DELLE SIGARETTE ELETTRONICHE

Il Decreto Legge che interviene sulla sigaretta elettronica è stato pubblicato. Di seguito alcuni chiarimenti:
- Tutte le normative previste entrerebbero in vigore non prima dell'1 gennaio 2014. Infatti il Governo cerca una copertura di 117 milioni per il 2014.
- Si parla di tassa sui liquidi (aggiuntiva ll'IVA) e sull'hardware, inclusi i ricambi. Su questo si battaglierà in Paerlamento, sia sulla percentuale troppo alta, sia sull'assurdità di tassare l'hardware;
- Si paventa un sistema autorizzatorio dell'AAMS. Sarà da vedere quali saranno i criteri. infatti, il MEF dovrà emenare un Decreto Ministeriale entro il 31 ottobre 2013. Anche lì saremo al tavolo per fare in modo che non vengano compiute ingiustizie.
- I distributori saranno sottoposti al regime di deposito fiscale. Un sistema difficilmente sostenibile per l'AAMS in assenza di un accordo europeo come quello esistente sulle accise. 
- I tabaccai potranno vendere le e-cig. Ma del resto molti già la facevano, alla faccia delle chiacchiere della FIT.

Comunque, da oggi ci sono 60 giorni perchè il DL venga convertito in legge. La battaglia parlamentare è già iniziata e si andrà avanti fino e oltre Ferragosto. IL DL è modificabile, anche perché convinceremo il Governo che al di la dell'ingiustizia dell'imposizione, in questo modo farà chiudere 2/3 dei negozi e nemmeno recupererà i 117 milioni che va cercando.

Ma da adesso ancor di più avremo bisogno dell'aiuto di tutti, a cominciare dalla manifestazione di Roma del 9 luglio.


QUi puoi leggere l'intero Testo del Decreto :

http://www.gazzettaufficiale.it/do/atto/serie_generale/caricaPdf?cdimg=13G0012300000010110001&dgu=2013-06-28&art.dataPubblicazioneGazzetta=2013-06-28&art.codiceRedazionale=13G00123&art.num=1&art.tiposerie=SG


O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito. Tuttavia, l'autore della petizione potrà visualizzare tutte le informazioni da te fornite tramite questo modulo.

Riceverai un messaggio email con un link per la conferma della tua firma. Per favore controlli la sua casella di posta (e la cartella spam).
Facebook